Intelligenza Familiare: Echo e i suoi fratelli

Non so voi ma io da giorni mi scopro assorta a fantasticare su Echo, il nuovo “robot” di Intelligenza Artificiale, in lancio in questi giorni da Amazon, che dovrebbe funzionare da maggiordomo familiare, in grado di ascoltare ogni nostra richiesta e rispondere, in maniera assennata e utile, alle nostre esternazioni domestiche…

Guardate il video e il suo user scenario, e aiutatemi a capire se, anche per voi, questo Echo è infernale (ma dico molto di più di un SIRI della Apple, Google Now e Cortana di Windows)…

 

Demo di Echo-Amazon

Demo di Echo-Amazon

https://www.youtube.com/watch?v=KkOCeAtKHIc

Echo si spinge oltre le colonne d’Ercole del rapporto uomo macchina e si butta impunito nelle dinamiche familiari!!

imgres

Sussurri e Grida. I. Bergman 1972

Notate il passaggio in cui la moglie chiede a Echo di aiutarla a far alzare il marito fedigrafo e fannullone dal letto… oppure dove Echo è interpellato in una classica lotta tra fratelli…ecco, io mi immagino le cut scenes delle vere vite familiari… e mi chiedo se inclusa nel prezzo ci sia la garanzia contro “uso di Echo come strumento di tortura psicologica, oggetto contundente, abuso sessuale”

Pensiamo a una famiglia media, con il suo Echo che a quanto ho capito si attiva con il nome “Alexa”…

Lei: “Alexa… sai dirmi l’ultima volta che Luca ha sparecchiato????”

Alexa: “Uhmmm, temo di non avere questo conteggio… ricalcolo…”

Lui: “Alexa, perché non ti fai i cazzi tuoi?”

Alexa: ” Uhmmmmmmmm, temo di non saper fare “i cazzi tuoi”

Lei: “Alexa, puoi dire a Luca che ti insegni lui, visto che è un esperto in questo campo”

Alexa: “Luca mi insegni a fare ” i cazzi tuoi?”

Lancio di Alexa dalla finestra

Fine

Che l’intelligenza artificiale abbia ancora molta strada da fare mi pare un punto condiviso… ma sono proprio curiosa di vedere questo Echo alle prese con il passaggio successivo: l’intelligenza familiare…

Come insegna Sherry Turkle nel suo libro “Insieme ma soli” la nostra tendenza è antropomorfizzare e umanizzare qualsiasi cosa, persino un’interfaccia o un PC… cosa accadrà ad Alexa quando si troverà con i suoi impavidi algoritmi a fronteggiare madri depresse, figli lobotomizzati, mariti in andropausa e suocere impiccione??

Prego, Echo!! io, Sherry Turkle e tanti altri studiosi di interazioni mediate ti aspettiamo alla prova del fuoco: ci troviamo al pranzo di Natale!

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

     

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

© Socialarium. Il mio acquario social
CyberChimps